JOY
"NULLA"

LE REGOLE: non telefonare; liberati da tutto di lei; Non sparire mai;

IL DOPO: Quando mi sono risvegliato dal coma di un amore finito non ci ho capito più nulla. Vagavo in giro per la città in cerca di ascolto, tenevo lontani gli amici per non ammorbarli, parlavo con perfetti sconosciuti del mio male d’amore e non facevo altro che guardare che auto mi superavano, per vedere se erano la sua. Non credo di aver mai provato nulla di simile in precedenza. E pensare che non pensavo fosse amore con la “A” maisucola. Ho sempre creduto di potercela fare anche senza. Invece mi sono ritrovato abbandonato, soprattutto da lei. Credevo che 1 anno di vita insieme fosse un buon motivo per non perdersi dimenticandosi, invece mi sbagliavo. Il giorno stesso che ci siamo lasciati mi sbagliavo. Non mi avrebbe mai più chiamato e sono passati più di 8 mesi adesso. Ho fatto molto secondo me per recuperare un brandello di rapporto, ma nulla, nulla di nulla. Avere fatto scattare l’interruttore del dopo relazione è stato sufficiente per non vederci più chiaro, anzi per non vederci più, punto. Ho provato a chiamarla sul cell, a casa, sul posto di lavoro: ho ricevuto solo negazione. Questo stato di disagio mi è stato gettato addosso come si getta una secchiata di acqua gelida in faccia ad un condannato. Questo stato di smarrimento dopo averla conosciuta e amata pensato non potesse succedere a me che a 26 anni ho già vissuto abbastanza per averne viste di storie strane. Ma questa le batte tutte. Mi dispiace non essere più nulla per lei. L’ho vista un giorno di gennaio, proprio dopo le vacanze di natale, in coda per entrare al cinema. Mi sono avvicinato e l’ho salutata. C’era della gente tra me e lei, non eravamo vicini. Mi ha guardato e poi si è girata di nuovo verso l’entrata senza muovere un muscolo del viso. Mi sono bloccato. Pensavo di essermi sbagliato; Quando sono tornato a casa mi sono convinto di aver visto la persona sbagliata. Una telefonata del mio amico mi ha riportato alla realtà, dice: “Ho visto S. al cinema…” Alle volte mi chiedo quanto servono gli amici…
Non è successo nulla tra noi quando ci siamo lasciati, per giustificare questa freddezza. Nessun tradimento, nessun litigio degno di nota, nessuna incomprensione insormontabile:” è solo finito l’amore”, ha detto lei. Sì, è finito, ma quante cose finisco e non si negano? Finire non significa negare, significa terminare. Quello che ho vissuto io fino ad adesso è stato “sentirmi annullato”, annullato da una persona che amavo e quello che più mi dispiace e mi fa sembrare tutto nero, è che ho sbagliato a scegliere, quando l’ho scelta, 1 anno fa. Non credevo che finire la nostra storia corrispondesse con cancellare noi stessi dall’altro. Direi che è questo il mio dopo, sentire che non esiste più nulla neanche scavando nel buono che c’è stato tra me e lei.

Ordina per data - nick
1.
JOY

"NULLA"

2.
CORY

"CON UN SMS"

3.
LUCINA85

"RINASCERO'."

4.
MARA988

"UN VELO"

5.
BBILL79

"SEDUTO AL BUIO"

6.
FEDEX

"ALTRI SUONI"